Menu

Come recuperare un maglione molto infeltrito

I maglioni sono validi alleati contro il gelo dell’inverno. Questi però infeltriscono facilmente, ecco perché oggi ti insegniamo come recuperare un maglione molto infeltrito.

A volte non sono il massimo dell’eleganza, ma i maglioni diventano molto rapidamente i capi a cui più siamo affezionati. Morbidi, caldi, comodi: nelle mattine d’inverno, quando siamo costretti a scendere nelle ore in cui la foschia ancora attanaglia le strade, l’unico conforto ci viene offerto dalla soffice lana della nostra maxi maglia.

Al momento dell’acquisto sappiamo comunque che il nostro amato maglione non resterà con noi a lungo. È un capo che tende ad infeltrirsi e a diventare nel tempo un groviglio di pelucchi disordinati.

Non è insolito finire nella disperazione quando accade: trovare un maglione che ci stia divinamente è davvero un’impresa faticosa e scoprire di doverlo abbandonare ci sconforta. Per non parlare di quell’insana abitudine che ci fa spesso associare ricordi e affetti ai capi indossati: in quel caso, liberarsi del golf – seppur rovinato – diventa davvero una sofferenza.

Per fortuna esistono i rimedi della nonna, piccoli trucchi da Morgane a cui fare riferimento nelle situazioni più disperate. Nell’articolo di oggi ti tramanderemo qualche antico rimedio casalingo per recuperare il tuo maglione. È il caso, quindi, che tu prenda carta e penna.

Il trucco dell’alcool

Il primo trucco ha bisogno di una bottiglia d’alcool, sapone, ammoniaca e trementina. Per prima cosa bisogna prendere un recipiente e versarci all’interno acqua, un cucchiaino d’alcool, uno di ammoniaca e uno di trementina. Aggiungete al tutto anche un po’ di sapone e lasciate il capo in ammollo per un paio d’ore. Questo rimedio è ovviamente adatto solo ai capi neutri, poiché quelli colorati rischiano di scolorirsi.

Il trucco del latte

Altra pratica molto diffusa tra le nonne, prevedeva invece un abbondante uso di latte. Anche in questo caso, per sfeltrare la lana, vi servirà una bacinella. In questa bisogna poi versare latte e acido citrico.

Il trucco del balsamo

Ti è mai capitato di pensare alle lana del tuo maglione come a delle lunghe trecce? Sappi che il paragone non è poi così insolito: la lana e i capelli hanno la stessa struttura ed è per questo che, grazie alla brillante intuizione di qualcuno, tanti maglioni nel mondo sono sopravvissuti all’infeltrimento.

Se vuoi salvare anche il tuo, ti basterà sgrovigliare la lana così come sgrovigli i capelli: come se non con una buona dose di balsamo?

Versa un po’ d’acqua tiepida in una bacinella e lascia cadere in essa circa 40 grammi di balsamo. Non è affatto importante il brand, anche se vi suggeriamo di preferire quello indicato ai capelli lisci.

Nello stesso recipiente lasciate a riposare il maglione per un lasso di tempo lungo almeno due o tre ore.

Tra tutti questo viene considerato il rimedio più efficace, poiché il balsamo stende le fibre della lana senza però rovinarla. In questo caso, è buona cosa toccare ogni tanto il capo, come a volerlo stendere e massaggiare. Alla fine potete procedere con il risciacquo. Per ottenere risultati soddisfacenti, a volte, è necessario ripetere più volte l’operazione.